:: Home » Articoli » 2005 » Agosto
2005
16
Ago

Un amore all’inferno

Commenti () - Page hits: 850

(Diego Cugia - Mondadori)

Mi fa un grande piacere leggere romanzi come questo, soprattutto quando vengono pubblicati da un grande editore come Mondadori che ultimamente ci ha abituati a fenomeni commerciali che niente hanno a che spartire con la letteratura. Diego Cugia invece è autore dotato di uno stile intrigante che ti impedisce di mollare il suo libro sino a che non sei arrivato alla parola fine. Posso fare l’esempio negativo di Gianni Biondillo che mi ha fatto l’effetto opposto, dato che ho mollato il suo Per cosa si uccide dopo appena venti pagine. Problema mio, forse, che gli autori o li amo o li odio, che penso di capire subito se dentro ai loro romanzi c’è soltanto fredda tecnica o se tutto è sincero e la storia vive di passioni.
Diego Cugia ama Giovanni Pascoli e ha pure scritto poesie, come afferma nel suo sito. Si sente dallo stile di scrittura. Leggete l’incipit del romanzo: "In una notte senza luna un bambino fluttua sul cuore di tenebra della Toscana, appare e scompare lievitando sopra un canneto come una statuina in processione o un piccolo principe adagiato su un tappeto volante". Oppure andate a pagina 92: "La strada per Cafaggiolo è un flusso intermittente di fantasmi di nebbia, in cielo a tratti si affaccia qualche macchiolina d’oro nel blu assediato dalle nubi". Pure io amo Giovanni Pascoli, uno degli autori preferiti della mia adolescenza e oggi rimbambisco mio figlio con le sue poesie, così come lo costringo a leggere Cuore di De Amicis. Ma questo è un altro discorso…
Diego Cugia ci racconta il grande amore di una donna per un uomo che potrebbe essere il mostro di Firenze e che in ogni caso è accusato di far parte della banda che avrebbe commissionato per anni delitti orribili nel cuore della Toscana. Lo fa con leggerezze e ricorrendo a dialoghi molto ben articolati, accompagnando il lettore in una progressiva discesa agli inferi. Lo fa con stile e competenza di scrittore che ama i classici e li rispetta, da autore che ha acquisto uno stile proprio dopo aver sudato molto nella lettura dei grandi del passato. Un’intervista alla moglie del presunto mostro di Firenze si trasforma in un romanzo coinvolgente e realistico che racconta la vita e la morte di Francesco Narducci, grande medico e forse ingenuo accolito di una banda di satanismi. Ho solo il rimpianto di non aver avuto tra le mani il libro di Cugia mentre scrivevo il mio Serial killer italiani, perché lo avrei di sicuro utilizzato per buttare giù il capitolo relativo al Mostro di Firenze. Spero di usarlo per la seconda edizione…

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 2651 millisecondi