:: Home » Articoli » 2005 » Aprile
2005
29
Apr

In circolo

Commenti () - Page hits: 700

(Giulio Marchetti - I fiori di campo)

Definire il target de "In circolo" di Giulio Marchetti non è così facile come può sembrare se ne si inizia un esame dall'aspetto esteriore. La copertina colorata (piuttosto accattivante), il titolo che si appoggia quasi in rilievo sullo sfondo farebbe pensare infatti ad un testo per bambini. Opinione che si potrebbe rafforzare tra l'altro sfogliando distrattamente la trentina di pagine che compongono questa "favola". Ma se si va al di là di questo primo impatto, se ci si cimenta con la prosa particolare di questo giovane autore (classe 82), non lasciandosi distrarre dalla gradevoli scelte stilistiche che coinvolgono i nomi dei protagonisti, quello che si inizia ad intravedere è una costruzione metaforica più complessa. Un messaggio, più o meno evidente nelle varie fasi della storia, che vede il coyote Was compiere un percorso fisico e mentale che lo porterà ad una illuminazione sulla sua condizione di orfano e in generale sulla vita. I nomi, gli incontri, le vicende, tutto, durante la lettura, appare in qualche modo strano, stonato. Ma poi si comincia ad incrociare mentalmente le informazioni raccolte e si tenta, almeno, di comprendere l'architettura sottesa. Was, e i suoi amici Am e Will. Il ruscello che diventa fiume. Il cerbiatto, i cacciatori. L'ippopotamo Fuy. Tutto tenta una collocazione in uno schema più ampio rendendo originale una storia altrimenti semplice. Tutto così inizia a proporre un qualche livello di giustificazione per ciò che diversamente risulterebbe essere "solo" la descrizione di un viaggio in mezzo alla foresta. E alla fine è impossibile non accettare almeno un po' la "sfida" implicita dell'autore, e trovarsi coinvolti nelle trame intessute per il tratteggio della morale dell'opera.
Solo, rimane il dubbio su qual è il lettore che Marchetti aveva in mente quando ha scritto questa sua prima esperienza letteraria. Perché la chiave di lettura migliore è forse appunto quella più "matura" che sicuramente potrebbe essere non poco penalizzata da una tipologia di lettore non adatto, ad esempio per età. Lettore che invece potrebbe essere il destinatario naturale di questo libro (inteso come oggetto) tenendo conto della comunque gradevole "confezione".
Complessivamente comunque una prova con aspetti positivi - che ci fa attendere con curiosità un prossimo lavoro dello stesso autore.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Marco Giorgini
Marco Giorgini: (Modena, 21 Agosto 1971) responsabile del settore R&D in una delle più importanti software house italiane che si occupano di linguistica applicata. Dal 1994 coordina la rivista culturale KULT Underground (www.kultunderground.org) e dal 1996 la casa editrice virtuale KULT Virtual Press (www.kultvirtualpress.com); autore di racconti e sceneggiature, ha contribuito ad organizzare mostre e concorsi letterari, tra cui ''Il sogno di Holden'', 8KO- e In Xanadu. Da marzo 2005 realizza una striscia a fumetti bisettimanale sul mondo degli esordienti, chiamata Kurt (www.kurtcomics.com).
MAIL: marco@kultunderground.org
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 60 millisecondi