:: Home » Articoli » 2005 » Aprile
2005
1
Apr

Smagliature

Commenti () - Page hits: 1000

(Francesca Mazzucato - KULT Virtual Press)

Sono una meretrice o sono una camminatrice?, con questo affascinante interrogativo comincia l’e-book Smagliature, di Francesca Mazzucato, in una sorta di ambiguità tra la donna cercata per sesso e la donna in cerca di sesso.
Si tratta di 27 prose poetiche e erotiche vivaci e scorrevoli con numerose rime e allitterazioni, che avvicinano i testi più alla poesia che alla prosa.
Fin dalla prima prosa poetica (e erotica), Sono una meretrice, si intuisce l’andamento dell’e-book: una serie di istantanee che si confondono tra visione e realtà, immaginazione e corporeità, per una ricerca dell’erotismo in tutte le sue forme dalle più palesi alle più nascoste.
La prosa della Mazzucato è fortemente erotica, ma latente pare esserci qualcos’altro quasi un retrogusto di amarezza, che a volte emerge a sprazzi tra i leerstellen dell’erotismo narrato.
Il filo conduttore del libro è la smagliatura. Si va dalla classica calza smagliata alle smagliature del corpo che non regge i cambiamenti fino alle smagliature sentimentali, ma in alcune prose ho avuto l’impressione che l’inserimento di queste smagliature (cosce smagliate, seni smagliati, ecc.) sia un po’ forzato, cosa a mio avviso non necessaria visto che l’e-book, rimane compatto e coerente fino alla fine.
Nel brano La tragica ossessione, c’è la tormentata ricerca dell’amante abbandonante, in tutti gli individui che si incontrano: “Cerco le differenze masturbando le assenze/di compagni inventati…”, ma è una ricerca destinata a fallire e alla fine ci si accontenta di ricordare.
Si ripensa a ciò che poteva essere in Fuori giocano, dove il vociare giocoso di alcuni bambini, riporta alla mente l’aborto recente e il mal di vivere ad esso legato.
Senza stonare nel contesto anzi completando la visione a trecentosessanta gradi dell’autrice sul muliebre eros, i due componimenti Il tempo di migrare e Il peso dell’anima. Il tempo di migrare comincia con una bellissima citazione della scrittrice statunitense, di origine russo-francese, Anais Nin: “Il padre, unico e solo amore nell’onirico favoloso di un incesto desiderato”. Questo frammento denso di ricordi, immerso in un’atmosfera autunnale tratta del rapporto padre-figlia, con le inevitabili parole non dette. Protagonista specularmente ne Il peso dell’anima è la madre, e i conflitti (e a volte le rivalità) che si sviluppano con il divenir donna della propria figlia; una madre che in questo caso ha occhi solo per se stessa e per il suo lavoro e che considera la propria figlia la smagliatura della sua famiglia.
Immersi in un clima erotico-decadente, di irrequietezza nostalgica e di fervore compositivo, in quest’e-book c’è quasi un’aria di solidarietà femminile, ma non di femminismo.
Nel complesso le prose appaiono come capitoli senza numero e non numerabili di un romanzo che non è un romanzo. Mi accorgo solo adesso mentre sto scrivendo questa recensione che le vere smagliature sono le prose stesse, frammenti irregolari della dissertazione erotica di una sensibile autrice di talento. La sensibilità è in ogni donna, il talento di ricreare in letteratura la sensibilità femminile è di pochi. Un e-book da leggere tutto d’un fiato.

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gino Mistero

Gino Mistero è in realtà lo pseudonimo anagrammatico di uno studente iscritto alla facoltà di lettere che ascolta molto rock, dall'alternative al metal e che ha all'attivo più pseudonimi anagrammatici (una ventina) che romanzi pubblicati (zero). Sergio Monti (all'anagrafe) è nato, vive e lavora (ogni tanto), nel barese e dintorni. A partecipato senza brillare negli ultimi due anni (da quando gli è venuta la mania di diventare lo scrittore più grande del mondo) ad una decina di concorsi letterari, vedi: LaTelaNera, Lovecraft, re-Written, In Xanadu.

:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 119 millisecondi